Mario Carli “Con d’Annunzio a Fiume”

“Con d’Annunzio a Fiume” è l’opera di memorie fiumane scritta da Mario Carli e pubblicata a Milano nel 1920.

Il libro mirava, oltre ad un intento artistico, anche ad uno pratico: aumentare il consenso intorno all’impresa del Comandante, perché tanti sforzi, del Vate e dei suoi legionari, non andassero perduti, di fronte al comportamento, ritenuto vile ed ipocrita, dello Stato italiano e all’ostilità delle altre nazioni.

L’opera è scritta nel pieno stile giornalistico di Carli. “Con d’Annunzio a Fiume” manca di indice, probabilmente per un errore tipografico ed è organizzato in capitoli di varia lunghezza, alcuni divisi in paragrafi. Una struttura non rigida, che riflette l’indole dello scrittore pugliese, il quale assembla il volume utilizzando il meglio della sua produzione giornalistica, scrivendo parti ex novo, specialmente nel capitolo “Prologo: come giunsi a Fiume”, e chiudendo con un momento più propriamente poetico, costituito dagli “Arabeschi fiumani”.

Nel 1992 la Felice Miranda Editore ristampa l’opera di Carli con un’approfondita introduzione di Francesco Giuliani di cui riportiamo alcune righe che sintetizzano lo spirito unico e rivoluzionario dell’Ardito fiumano:

“La difesa del corpo nel quale rivestiva il grado di capitano (ndr gli Arditi) è al centro anche del breve capitolo «Noi filibustieri». Un’ingiuria alla quale risponde, indignato, ricordando quanti hanno disertato o lasciato un posto sicuro, per aderire alla causa fiumana. Lo scrittore ritorce le accuse, anche se non può disconoscere che in parte esse hanno del fondamento. Di qui a generalizzare, però, il passo è lungo, lascia intendere Carli. Fiume non è una «fucina di delitti».

Storicamente, la città italianissima ospitava persone spinte dalle motivazioni più diverse, ragion per cui ogni rigida definizione rischia di essere fuorviante.

L’ultima parte del capitolo sposta il problema sullo spirito fiumano e sul fiumanesimo «di sinistra», che rappresenta uno degli aspetti più rilevanti dell’epopea dannunziana di cui Carli è uno tra gli esponenti più rilevanti.”

Fondazione Il Vittoriale degli Italiani
Via del Vittoriale 12 – 25083 – Gardone Riviera
Tel. +39 0365 296511 – CF 87001410171
info@vittoriale.it

Fiume - © 2019 Fondazione Il Vittoriale degli Italiani Privacy Policy