Gabriele d’Annunzio

Tutte le mie esperienze sono comunicazioni per ritrovare il senso del mondo

Gabriele d’Annunzio

Poeta, drammaturgo, militare, esteta, politico e soldato Gabriele d’Annunzio è stato uno degli uomini più influenti del ventesimo secolo. Nato nel 1863 a Pescara ha vissuto a Roma, Napoli Firenze e Parigi d’Annunzio, nella sua poliedrica attività di letterato, scrive numerosissime opere di svariati generi: dal dramma al romanzo il Poeta si fa innovatore di stile e uomo in grado di creare significative mode. Quando nel 1914 in Europa scoppia la Prima Guerra Mondiale, Gabriele d’Annunzio si trova in Francia e, il 5 maggio 1915, viene richiamato in Italia dal Sindaco di Genova per tenere un discorso durante la celebrazione dell’impresa dei Mille a Quarto. Il suo discorso, come i successivi di Roma, è interventista e apre la stagione del “Maggio radioso”. Così il 24 maggio 1915 l’Italia dichiara guerra all’Austria e il Tenente dei Cavalleggieri d’Annunzio chiede di essere arruolato. Ha 52 anni, sarà fante del Veliki, marinaio di Buccari, trasvolatore su Vienna, trascinatore su tutti i fronti con l’esempio e la parola, mutilato d’ un occhio, medaglia d’oro al valore militare. Finita la Guerra d’Annunzio teme che la Conferenza della pace neghi alla Madre Patria i territori per i quali ha combattuto. Ritorna a Venezia nella Casetta Rossa che lo ospita dal novembre 1915 e inizia la sua nuova battaglia: l’Impresa di Fiume. Dopo i frenetici mesi di irredentismo adriatico, il 12 settembre 1919 con i suoi legionari occupa la città e proclama la Reggenza Italiana del Carnaro: resisterà fino a quando i morti del “Natale di Sangue” (25-30 dicembre 1920) e le granate fatte sparare dal Governo italiano, lo indurranno alla resa. Lasciata Fiume il Comandante giunge nel 1921 a Gardone Riviera dove acquista la villa “Cargnacco” in cerca di tranquillità e riposo.

Riferimenti bibliografici:

Giordano Bruno Guerri, D’Annunzio l’amante guerriero, Milano: Mondadori Libri, 2018

Maurizio Serra, D’Annunzio Le Magnifique, Paris: Grasset, 2018

Annamaria Andreoli, Gabriele d’Annunzio, Firenze: La Nuova Italia, 1986

Paolo Alatri, D’Annunzio negli anni del tramonto 1930-1938, Venezia: Marsilio editore, 1984

Piero Chiara, Vita di Gabriele d’Annunzio, Milano: Arnoldo Mondadori Editore, 1978

Fondazione Il Vittoriale degli Italiani
Via del Vittoriale 12 – 25083 – Gardone Riviera
Tel. +39 0365 296511 – CF 87001410171
info@vittoriale.it

Fiume - © 2019 Fondazione Il Vittoriale degli Italiani Privacy Policy